Prossimi appuntamenti

Nessun evento da visualizzare.

La Chiesa di San Francesco di Pisa nelle guide turistiche

Edizione del: 21 febbraio 2015

Facciata 1800 chiesa San Francesco di PisaFin dal 700 le più importanti guide turistiche dell’epoca hanno inserito negli itinerari turistici della città di Pisa la chiesa di San Francesco, situata in piazza San Francesco, descrivendo brevemente l’interno e soffermandosi sui soggetti delle pale d’altare, senza però accennare minimamente alla facciata e alle vicende costruttive.

Soltanto nel 1793 Alessandro Da Morrona, nell’ultimo dei suoi tre volumi “Pisa illustrata nelle arti del Disegno”, descrive approfonditamente sotto tutti gli aspetti la chiesa di San Francesco.

Il più importante e antico tempio francescano della città non era visto solo come una raccolta di opere d’arte, bensì come un monumento cittadino importante con una sua storia, che dalla fondazione e dalla costruzione arrivava fino alla decorazione dell’interno e alle successive ristrutturazioni.

Da Morrona, per la prima volta, riservava un’attenzione particolare alla descrizione delle lapidi terragne e alla trascrizione delle epigrafi incise; un’opera ancora oggi importante e indispensabile perché ci permette di ricostruire molte delle lapidi deteriorate.

La seconda metà dell’Ottocento è per la chiesa di San Francesco un periodo di totale incuria e abbandono, non più luogo di culto, ma edificio adibito ad altri scopi sociali, anche come magazzino, con alcune opere di Giotto e Cimabue trafugate e portate ed esposte al Louvre di Parigi, dove ancora oggi si trovano.

Solo con i restauri iniziati alla fine del secolo e completati nei primi anni del 900 la chiesa torna ad acquisire una certa dignità anche nelle guide turistiche.

La prima testimonianza viene dalla “Guida di Pisa” di Augusto Bellini Pietri pubblicata nel 1916, e dove ogni singolo oggetto che costituisce arredo della chiesa viene elencato con il suo autore, così come gli autori delle nuove vetrate e delle decorazioni delle Cappelle, essendo tutte opere dei primi anni del 900.

Nella seconda metà del XX secolo, la chiesa di San Francesco si trova citata in quasi tutte le guide turistiche, con menzioni speciali per quelle pubblicate dal Touring Club e quella di Pagliaga-Renzoni, “Le chiese di Pisa”, del 1991 e 1999, dove oltre ad una buona descrizione della chiesa si trova un’ampia sezione sulle opere non più presenti.

Scheda a cura di Franco Mariani e Nicola Nuti

Per vedere la foto più grande basta cliccarci sopra

You must be logged in to post a comment Login